Laurea in Nutrizione: quali sono gli sbocchi professionali?
Salute Lombardia Milano

Laurea in Nutrizione: quali sono gli sbocchi professionali?

mercoledì 2 novembre, 2022

Sei appassionato di corretta alimentazione e vuoi che questa diventi il tuo lavoro? Sicuramente sei la persona giusta per intraprendere un percorso di laurea in scienze della nutrizione.

In questo caso, gli sbocchi lavorativi sono vari: potrai trovare un impiego in ambito agro-alimentare, farmaceutico o nutrizionale.

Probabilmente eri già a conoscenza di quello che abbiamo appena detto, ma cosa significa tutto ciò applicato all’ambito pratico? Cosa vuol dire davvero conseguire una laurea in scienze della nutrizione umana? Andiamo a scoprirlo in questo articolo.

Laurea in nutrizione: che lavoro posso fare dopo?

Devi sapere che per accedere all’Esame di Stato come biologo devi prima di tutto ottenere la laurea magistrale in scienze della nutrizione umana. Coloro che superano tale esame, possono iscriversi all’albo A dei biologi e, di conseguenza, diventano a tutti gli effetti dei nutrizionisti.

Attenzione però: attorno a questo lavoro c’è sempre una grande confusione.

Infatti, in molti pensano che il nutrizionista si occupi solo ed esclusivamente di diete, ma non è così, perché svolge anche mansioni di:

Educatore alimentare

Ricercatore

Addetto ai controlli degli alimenti della filiera

Quali sono i lavori che posso fare dopo una laurea in scienze della nutrizione?

Ora che abbiamo capito che per diventare nutrizionista è richiesto l’Esame di Stato, andiamo ad unire i punti e fare un po’ di chiarezza sui possibili sbocchi lavorativi che potrai avere dopo questa laurea.

Ebbene, il biologo nutrizionista ha la possibilità di elaborare diete e piani alimentari, sia per i singoli clienti, che per gruppi di essi. Al contrario di ciò che in molti pensano, questo professionista non potrà prescrivere alcun tipo di farmaco oppure fare delle diagnosi. Infatti, questi ultimi due compiti spettano ad un’altra figura professionale: il dietologo.

Tornando al nutrizionista, egli può occuparsi, come abbiamo visto, anche di:

Educazione alimentare, divulgando correttamente i modi attraverso i quali utilizzare determinati alimenti

Ricerca, effettuando delle analisi per quanto riguarda le abitudini alimentari della popolazione e gli effetti che queste hanno direttamente sulle persone

Controllo degli alimenti lungo la filiera, per vigilare sulla conformità delle diverse fasi di preparazione degli alimenti stessi.

Dove mi posso laureare in scienze della nutrizione?

Questa è una domanda che viene posta spesso, anche perché sul web non c’è una guida chiara al percorso per diventare nutrizionista e, di conseguenza, i giovani spesso non riescono a destreggiarsi.

Ovviamente, se vuoi svolgere questo mestiere, potrai scegliere se studiare presso un’università tradizionale, oppure attraverso una online. Nel secondo caso, avrai il vantaggio che non sarà previsto alcun test d’ingresso, in quanto non si parla di università a numero chiuso.

Se hai paura di rivolgerti ad un’università online perché temi di non poter svolgere un tirocinio, non devi porti il problema. Infatti, anche le università telematiche offrono la possibilità di fare un tirocinio curricolare.

Quanto guadagna un nutrizionista?

Quando sei alla ricerca della facoltà giusta dove studiare, l’aspetto economico è fortemente rilevante. Insomma, non vorrai certo studiare per anni per arrivare a svolgere un lavoro che non ti soddisfa economicamente.

Tuttavia, quando parliamo del nutrizionista, non possiamo darti un prezzo fisso. Infatti, i guadagni variano in funzione di vari fattori, come:

Esperienza

Natura del lavoro

Nel primo caso, sicuramente chi è all’inizio del percorso lavorativo guadagnerà meno di chi ormai ha un’esperienza avanzata. Infatti, lo stipendio medio di chi si trova ad inizio carriera è di 800 euro al mese, mentre chi ha esperienza, arriva a prendere anche 2.500€ al mese.

Se vuoi aprire la Partita IVA come nutrizionista, puoi rivolgerti ad un consulente fiscale che risponderà a tutti i tuoi dubbi, come: sarà una Partita IVA normale o una ditta individuale? Avrò la mia cassa previdenziale? Quale regime fiscale mi conviene adottare? Devo iscrivermi al registro delle imprese?

Fiscozen ha l’obiettivo di supportare le Partite IVA nello sviluppo delle loro attività autonome. Con loro, puoi ricevere anche una consulenza gratuita e senza impegno, per rispondere a tutti i tuoi dubbi.

Autore