• Scrivi una notizia
  • Sostienici
  • Spazi pubblicitari
  • Privacy Policy
  • Feed Rss

Covid. Dall'inglese alla giapponese, ecco tutte le varianti. Sorvegliate speciali dagli esperti

Lazio > Roma

Covid. Dall'inglese alla giapponese, ecco tutte le varianti. Sorvegliate speciali dagli esperti
ROMA, 11 GEN - Sono migliaia le mutazione del virus SarsCoV2, ma da queste sono finora emerse poche varianti principali, diffuse nel mondo, vere e èroprie sorvegliate speciali da chi segue l'andamento dell'epidemia. E

'stata segnalata recentemente anche una variante comparsa in Giappone che, secondo gli esperti, richiede ulteriori verifiche. La prima variante in ordine di comparsa è quella indicata con la sigla D614G , che si è diffusa in molto velocemente e che, come la maggior parte delle varianti in circolazione, riguarda la proteina Spike, che è la principale arma utilizzata dal virus per aggredire le cellule umane.

Questa mutazione, identificata anche negli Stati Uniti, permette al virus di traamettersi più facilmente, ma non lo rende più letale. La variante inglese, indicata con le sigle 20B/501YD1 oppure B.1.1.7, è caratterizzata da ben 23 mutazioni, 14 delle quali sono localizzate sulla proteina Spike. E' comparsa in Gran Bretagna in settembre ed è stata resa nota a metà del dicembre scorso. Finora è stata identificata in 33 Paesi, compresa l'Italia con una ventina di casi.

Anche in questo caso a preoccupare è il fatto che la mutazione rilevata nella posizione 501 della proteina Spike può rendere il virus più contagioso. E' indicata con la sigla N501Y la variante del virus isolata in ottobre Sudafrica.

Caratterizzata da una maggiore capacità di contagio e da una carica virale più alta, anche questa è legata a più mutazioni localizzate sulla proteina Spike. Altre mutazioni nella stessa proteina hanno portato alla variante N501T, che in Italia è stata isolata a Brescia e che potrebbe risalire ad agosto.

Viene infine indicata con "cluster 5" la variante comparsa negli allevamenti di visoni in Danimarca e trasmessa all'uomo. In Italia sono inoltre diffuse le varianti 20A.EU1 e 20A.EU2, comparse in estate in Spagna e sono arrivate nel nostro Paese all'inizio dell'autunno,