OLED, LED e LCD: le differenze spiegate da Yeppon.it
Scienza & Tecnologia Piemonte Torino

OLED, LED e LCD: le differenze spiegate da Yeppon.it

martedì 30 novembre, 2021

Qual è la vera differenza tra schermi OLED, LED ed LCD? Questa domanda incuriosisce tantissimi lettori e oggi cercheremo di rispondere una volta per tutte grazie alle dritte di Yeppon, l’eCommerce specializzato in elettrodomestici ed elettronica di consumo.

Oled, LED ed LCD: facciamo chiarezza

Per prima cosa considera che queste sigle fanno riferimento alle tecnologie dei pannelli, ovvero degli schermi che usiamo per televisori, laptop ma anche smartphone e tablet. Molti pensano che siano di sola pertinenza delle TV ma, come vedremo, le sigle OLED, LED ed LCD fanno riferimento esclusivamente al modo in cui le immagini compaiono sullo schermo e si, anche alla loro nitidezza.

Quando ti metterai alla ricerca di un nuovo televisore, per esempio dando uno sguardo alla selezione di TV Oled di Yeppon.it, noterai che i valori tra i quali scegliere sono molteplici e che non sono solo correlati al tipo di tecnologia. Difatti potrai filtrare la ricerca selezionando marca, prezzo, anno, grandezza dello schermo, risoluzione e, infine, la tecnologia del pannello.

I primi ad arrivare sul mercato: gli LCD

In ordine di arrivo sul mercato sono giunti gli LCD e poi questi sono stati succeduti da LED ed OLED. Mentre gli LCD hanno un pannello a retroilluminazione che attraverso un sistema intelligente si illumina per rendere visibili le immagini sullo schermo, le tecnologie successive si fondano sulla tecnologia LED.

Questa è nota come diodo emittente, ovvero un particolarissimo componente che al minimo passaggio di corrente elettrica emette luce. Pertanto gli schermi LED e gli OLED non hanno la retroilluminazione, ma una serie di piccoli LED che illuminano lo schermo.

Questo non significa che gli LCD, tecnologia a cristalli liquidi, sia obsoleta e superata, anzi! La maggior parte degli schermi in circolazione funziona con questa tecnologia e offre risoluzioni ottimali a costi abbordabili anche per schermi da 55 pollici.

I LED hanno avuto grande successo sul mercato perché impiegano meno corrente per funzionare e offrono una versatilità tale da essere impiegata in tantissimi campi, inclusi concerti, aeroporti e persino autostrade.

Oled a confronto con LED ed LCD

Gli OLED sono il massimo per chi cerca immagini super-nitide e immersive ed è oggi la tecnologia più sottile che si conosca. Offre neri profondi, pixel auto illuminanti e una frequenza di aggiornamento rapidissima. Tuttavia bisogna considerare che questi schermi sono disponibili solo in grandi formati, ovvero dai 55 pollici in su e, chiaramente, sono anche i più costosi.

LCD e LED, invece, sono noti per essere convenienti, disponibili in qualsiasi dimensione ed enormemente luminosi e colorati. Per contro sono considerate tecnologie superate ad angolo di visione modesto e a contrasto mediamente accettabile. Tutta un’altra storia rispetto agli OLED, ovviamente.

E i QLED?

I veri protagonisti della scena sono gli schermi LED basati sulla tecnologia di full array local dimming con la quale il pannello è sottile e performante. Tuttavia gli schermi LED, soprattutto quelli più vecchi, potrebbero far vedere delle macchie scure se li guardiamo al buio. In ogni caso i pannelli LED sono luminosi e colorati e possono essere acquistati per qualsiasi dimensione a prezzi sempre abbordabili.

A questi si aggiungono i QLED, schermi dai bianchi brillanti e dalla grande luminosità che trovi disponibili a partire dai 49 pollici in su. Non sono sottili come gli OLED e potrebbero risultare fin troppo luminosi oltre ad avere frequenze di aggiornamento più basse. Tuttavia si tratta di una tecnologia PREMIUM, nota come Quantum Dot LED che sfrutta il funzionamento degli LCD elevandolo a prestazioni nettamente migliorate.

 Le differenze tra le tecnologie LCD, LED ed Oled sono grossomodo quelle appena descritte. Per la scelta di un buon televisore, tuttavia, dovresti basarti anche sul tipo di utilizzo che ne farai e, soprattutto, sulla stanza in cui andrai a posizionare lo schermo

Argomenti:
Autore