• Scrivi una notizia
  • Sostienici
  • Spazi pubblicitari
  • Privacy Policy
  • Feed Rss

Meteo: Fine luglio! Non solo temporali, ma anche anti-Covid africano. Ecco le previsioni

Sicilia > Catania

Si prospetta un finale di luglio meteorologicamente abbastanza estremo, caratterizzato da repentini cambiamenti. Passeremo, infatti, da un pericoloso vortice temporalesco, in grado di portare grandinate e vento forte su parte dell'Italia, a un urlo africano che dovrebbe poi accompagnarci anche all'inizio del mese di agosto.

Facciamo dunque il punto della situazione tracciando la proiezione sulla base degli ultimi aggiornamenti modellistici.

Cominciamo con la nostra analisi dalla giornata di venerdì 24 quando una profonda area depressionaria in discesa dal Nord Europa darà vita ad un vero e proprio vortice ciclonico, pronto ad impattare sul nostro Paese. Attenzione perché a causa dei forti contrasti che si verranno a creare tra masse d'aria completamente diverse, da una parte le correnti fresche ed instabili polari e dall'altra aria molto calda ed umida in risalita dall'Africa, non sono da escludere eventi meteo particolarmente intensi, come grandinate e forti colpi di vento.
Le regioni maggiormente a rischio, dove localmente non escludiamo la possibilità di nubifragi, saranno: Lombardia, Emilia Romagna, Veneto e Friuli Venezia Giulia. Col passare delle ore il maltempo si estenderà anche a parte del Centro, interessando maggiormente i settori adriatici, con piogge e rovesci.

Ma eccoci arrivati alla svolta decisiva, l'altra faccia di questo clima estremo, che si concretizzerà proprio negli ultimissimi giorni del mese, segnatamente a partire dal 26/27, quando l'anticiclone africano tornerà a riprendersi la scena. La conferma arriva dai principali modelli meteorologici che, almeno per ora, sono concordi nel "vedere" un periodo più stabile con temperature in netto aumento.
Queste condizioni più consone agli standard delle ultime stagioni estive dovrebbero accompagnarci fino al prossimo mese di agosto, che si preannuncia decisamente più caldo rispetto ai suoi predecessori, quanto meno su buona parte dell'Italia. (iLMeteo)