Meteo caldo asfissiante e forti temporali da lunedì picco del caldo e grandine
Cronaca Calabria Catanzaro

Meteo caldo asfissiante e forti temporali da lunedì picco del caldo e grandine

domenica 3 luglio, 2022

Meteo caldo asfissiante e forti temporali da lunedì picco del caldo e grandine Caronte sempre più forte, ma attenzione ad alcune insidie

Le prossime ore trascorreranno all'insegna del bel tempo, ma con un caldo a tratti asfissiante anche se non mancherà qualche insidioso temporale che potrà colpire improvvisamente alcune zone del nostro Paese.

L'anticiclone Caronte sta ulteriormente intensificando la sua azione stabilizzante su gran parte del bacino del Mediterraneo partendo ovviamente dal cuore del continente africano ed estendendosi fino alle terre più settentrionali ed orientali di quello europeo.

Tanto sole per tutti e clima davvero bollente saranno dunque gli elementi dominanti di questa prima domenica di luglio.

Già dal mattino infatti, i cieli si manterranno per lo più sereni o al massimo velati su tutte le regioni e con un clima piuttosto caldino specialmente sulle regioni del Centro, del Sud e sulle due isole Maggiori.

Via via che ci avvicineremo alle ore pomeridiane però, ecco che a ridosso dei rilievi del Nord l'atmosfera, come spesso avvenuto in questi ultimi giorni, comincerà a dare segnali di maggior dinamismo. Inizieranno così a formarsi densi e minacciosi nuvoloni neri capaci poi di sviluppare improvvisi focolai temporaleschi dapprima sui rilievi dell'alto Piemonte, su quelli valdostani e nel corso del pomeriggio anche su quelli lombardi.

Tra il tardo pomeriggio e fino alle primissime ore della sera, alcuni rovesci anche a sfondo temporalesco riusciranno a spingersi fin sui rilievi del Triveneto in particolare a ridosso delle aree di confine. Insomma, per chi avesse deciso di organizzare una bella gita in alta montagna e nella fattispecie sui rilievi del Nord, consigliamo di prestare molta attenzione in quanto questo genere di fenomeni potranno anche assumere carattere di forte intensità.

Sulle aree pianeggianti invece, bisognerà fare attenzione al grande caldo e per alcune metropoli anche alla qualità dell'aria che a tratti potrà risultare davvero pesante ed irrespirabile. Le temperature infatti potranno toccare punte elevatissime fino a superare anche la soglia dei 42-43°C come ad esempio nelle aree più interne della Sardegna e della Sicilia.

Questo contesto meteorologico sarà poi destinato ad accompagnarci anche con l'inizio della nuova settimana nonostante all'orizzonte sembra profilarsi un cambio della circolazione generale.
Ma di questo ve ne daremo maggiori dettagli nei prossimi aggiornamenti.

Previsioni della prossima settimana  

 

Due sono le notizie principali in vista della prossima settimana: il picco del caldo atteso già da Lunedì 4 Luglio e, col passare dei giorni, il ritorno dei temporali accompagnati anche dalla grandine che favoriranno un generale calo termico.

Secondo gli ultimi aggiornamenti meteo appena arrivati la nuova settimana si aprirà, Lunedì 4, ancora all'insegna del caldo a causa di una nuova pulsazione della rovente alta pressione africana che abbraccerà buona parte del bacino del Mediterraneo.

Vista l'origine delle masse d'aria, ovvero l'interno del Deserto del Sahara, raggiungeremo il picco di questa ennesima ondata calda; le temperature si porteranno ben oltre le medie climatiche con punte massime sopra i 35°C, soprattutto in Val Padana, sulle zone interne delle due Isole maggiori (qui addirittura si potrebbero superare i 40°C) e su parte del Centro (39°C a Firenze e Roma).

Tuttavia già dalla serata l'ingresso di aria più fresca e instabile in quota pilotata da una depressione centrata sul Nord Europa provocherà un rapido break temporalesco sull'arco alpino e sulle vicine pianure di Piemonte, Lombardia e Veneto.

La novità più interessante riguarda però la seconda parte della settimana: infatti, allargando il nostro sguardo all'intero scacchiere europeo, possiamo vedere come da Giovedì 7 Luglio la discesa di correnti più fresche dall'Europa nordorientale provocherà un vero e proprio ribaltone sul fonte meteo, dando il via ad uno sblocco configurativo.

Visti i forti contrasti termici tra l'aria preesistente, arroventata dai giorni precedenti, e quella nuova in arrivo, decisamente più fresca, non escludiamo il rischio di fenomeni anche di forte intensità con la possibilità pure di locali grandinate e colpi di vento dapprima ancora una volta sulle regioni del Nord; poi il peggioramento riuscirà a sfondare verso le regioni del Centro-Sud provocando rovesci temporaleschi anche di forte intensità. In questo contesto, le temperature subiranno una sensibile diminuzione, grazie ai venti dai quadranti settentrionali.

Per l'esatta localizzazione dei temporali occorrerà naturalmente aspettare ancora qualche giorno in quanto la traiettoria delle correnti instabili è al momento incerta; per questo motivo potrebbero venir coinvolti anche altri settori.

Per ora possiamo dire che pare proprio che stavolta il caldo anticiclone Caronte possa subire un deciso contraccolpo... (iLMeteo)

In aggiornamento

 

Autore