Gas. L'Eni: "Gazprom riduce di un terzo le forniture all'Italia". I dettagli
Economia Lazio Roma

Gas. L'Eni: "Gazprom riduce di un terzo le forniture all'Italia". I dettagli

lunedì 11 luglio, 2022

L'Eni: "Gazprom riduce di un terzo le forniture all'Italia". Ue: "Sul gas situazione seria, preparati a ogni scenario"
ROMA, 11 LUG. - Berlino e l'Europa temono lo stop totale del gas russo La Russia riduce di un terzo le forniture all'Italia rispetto alla media degli ultimi giorni.

È quanto si evince da una nota dell'Eni.

"Gazprom - scrive la compagnia italiana - ha comunicato che per la giornata di oggi fornirà a Eni volumi di gas pari a circa 21 milioni di metri cubi al giorno, rispetto a una media degli ultimi giorni pari a circa 32 milioni di metri cubi al giorno. Eni fornirà ulteriori informazioni in caso di nuove e significative variazioni dei flussi". Anche la società austriaca OMV ha annunciato che Gazprom sta riducendo ulteriormente la fornitura di gas al Paese.

"L'Ue si sta preparando ad ogni scenario. La situazione è chiaramente seria e dobbiamo essere preparati. A metà luglio, come è noto, verrà varato un piano di prevenzione in vista dell'inverno". E' quanto ha spiegato Tim McPhie, portavoce della Commissione Ue, in merito agli ulteriori tagli del gas messi in atto da Mosca. "E' necessario arrivare il prima possibile ad una autonomia energetica dalla Russia", ha aggiunto il portavoce europeo sottolineando come occorra comunicare alla popolazione "l'importanza del risparmio energetico" e ricordando che la Commissione, tra gli strumenti, ha già varato il RePowerEu.

"Stiamo lavorando per contribuire alla creazione di una riserva che diventa indispensabile nei mesi invernali tramite il riempimento degli stoccaggi. A ieri sera (domenica n.d.r.) siamo arrivati a 6,1 miliardi di metri cubi in stoccaggio (al netto dello strategico n.d.r.) che corrispondono al 64% dell'obiettivo. Noi di Snam abbiamo dato un contributo di circa 1,5 miliardi di metri cubi, e continueremo dare il nostro sostegno, ovviamente nei limiti di un operatore di sistema". Lo ha detto l'ad di Snam, Stefano Venier, a un webinar di Enea sul risparmio energetico nelle case.

Il timore di un taglio completo dei rifornimenti del gas russo cresce in tutta Europa e in particolare in Germania, dove si immagina che il prossimo inverno sarà "freddo, buio e caro", come ha titolato l'edizione weekend del giornale economico Handelsblatt, immortalando una porta di Brandeburgo resa bluastra dal ghiaccio.

L'attenzione generale, alla vigilia dell'avvio dei lavori di manutenzione del Nord Stream 1, è puntata su quello che accadrà fra 10 giorni, quando il gasdotto dovrebbe riprendere a funzionare regolarmente; l'opzione che Mosca prenda però questa occasione come pretesto per chiudere definitivamente le forniture viene considerata "la più probabile", secondo il ministro francese Bruno le Maire, che esorta l'Europa a "prepararsi". Neppure il collega tedesco Robert Habeck fa mistero di ritenere possibile uno stop completo proprio a partire da oggi. (Ansa)

Autore