Guerra in Ucraina. La Bielorussia avvia una maxi-esercitazione
Estero Lazio Roma

Guerra in Ucraina. La Bielorussia avvia una maxi-esercitazione

mercoledì 4 maggio, 2022
https://www.infooggi.it/elezioni-catanzaro-2022

Guerra in Ucraina. La Bielorussia avvia una maxi-esercitazione. Una esercitazione su vasta scala per "testare la prontezza delle forze di reazione dell'esercito bielorusso" è scattata questa mattina secondo quanto riferisce su Telegram il ministero della Difesa di Minsk. Nella nota viene specificato che i movimenti di truppe saranno a dir poco massicci visto che, sempre secondo il ministero, "si prevede di spostare una notevole quantità di equipaggiamento militare, il che potrebbe rendere difficile la circolazione sulle strade pubbliche". Allo stesso tempo il regime di Alexander Lukashenko, di fatto un vassallo di Putin, assicura che "tali eventi sono una delle forme più efficaci di addestramento delle truppe, e non rappresentano una minaccia né per la comunità europea nel suo insieme né per i paesi limitrofi in particolare". Eppure la maxi-mobilitazione non può che preoccupare, anche perché "sarà gradualmente aumentata la composizione delle forze coinvolte nell'esercitazione, il che consentirà di testare la loro capacità di contrastare le minacce militari sia a terra che in aria".

Vicepresidente Duma: l'esercito russo si fermerà al confine con Polonia

Per Pjotr Tolstoj, trisnipote dell’autore di 'Guerra e Pace', la cosiddetta 'operazione militare speciale' russa in Ucraina andrà avanti "gradualmente" finché la Russia lo riterrà opportuno. Non ci sono scadenze in vista, tanto meno il 9 maggio, Giornata della Vittoria sovietica sul nazismo. "Penso che finiremo quando arriveremo al confine con la Polonia", dice a La Repubblica il vicepresidente della Duma, la Camera Bassa del Parlamento russo. L'operazione si riterrà conclusa "quando l’Ucraina sarà totalmente denazificata e smilitarizzata, vale a dire quando non rappresenterà più una minaccia militare per la Federazione Russa e non ci sarà più la possibilità di trasformarla in una anti-Russia come l’Occidente ha cercato di fare negli ultimi 30 anni", sottolinea. A una domanda su quale sia l'obiettivo reale, risponde: "La Russia ha dispiegato l’esercito dei tempi di pace. Non abbiamo indetto una mobilitazione generale come in Ucraina. Perciò andiamo avanti gradualmente. Nonostante gli aiuti dell’Europa e le isterie di Boris Johnson o di Mario Draghi, finiremo l’operazione quando lo riterremo opportuno. Penso che ci fermeremo al confine con la Polonia".

Grave incidente stradale in Ucraina: almeno 27 morti

Almeno ventisette persone sono rimaste uccise nello scontro tra un autobus, un camion di carburante e un'autovettura nella regione ucraina occidentale di Rivne. Lo rendo noto il ministero degli Interni ucraino, citato dai media locali. L'incidente si è verificato sull'autostrada tra Kiev e Chop. "Dei 38 passeggeri che erano sul bus - spiega il consigliere ministeriale Anton Gerashchenko - ne sono sopravvissuti solo 12. Anche il conducente del camion è sopravvissuto, ma versa in condizioni critiche". "La 27ma vittima è l'autista di un minibus Mercedes Vito che, secondo le prime informazioni, è stato il colpevole della più grande tragedia sulle strade ucraine degli ultimi dieci anni", ha osservato Gerashchenko".

Il segretario di Stato Usa Blinken ha parlato con la ministra degli esteri britannica Truss

Il segretario di Stato Usa, Antony Blinken, ha avuto un colloquio con la ministra degli Esteri britannica, Elisabeth Truss. Lo rende noto il portavoce del Dipartimento di Stato, Ned Price. Blinken ha confermato il sostegno all'Ucraina "dove il coraggioso popolo ucraino continua a difendersi contro i brutali attacchi della guerra di aggressione di Putin". Blinken e Truss hanno trattato dell'ulteriore assistenza a Kiev e hanno discusso delle "conseguenze economiche per coloro che continuano a offrire supporto finanziario o materiale alla guerra del Cremlino contro l'Ucraina."

Kiev: Russia ha rubato migliaia di tonnellate di grano da zone occupate

"La Russia ha rubato 400.000 tonnellate di grano dai territori temporaneamente occupati". Lo ha detto il viceministro dell'agricoltura ucraino Taras Vysotsky citato dal Kyiv Independent. Si tratta, secondo Vysotsky, di circa un terzo di tutte le scorte di grano delle oblast di Zaporiggia, Kherson, Donetsk e Luhansk. Se questo furto continuasse, ha affermato il viceministro, queste regioni potrebbero andare incontro alla carestia.

Russia boicotterà incontro all'Onu tra Consiglio di Sicurezza e Cops

La Russia boicotterà oggi la riunione all'Onu tra il Consiglio di sicurezza e il Cops, il Comitato politico e di sicurezza della Ue. Secondo fonti diplomatiche russe, la decisione è legata alla questione ucraina. La riunione informale annuale tra il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e il Cops non si teneva dal 2019 a causa della pandemia di Covid-19. Il suo obiettivo è valutare le interazioni tra l'Unione europea e le Nazioni Unite nei Paesi dove le due organizzazioni svolgono operazioni, come in Bosnia, Centrafrica e Mali.

Fonti dell'amministrazione militare: oggi altre evacuazioni verso Zaporiggia

Sono previste per oggi altre quattro rotte di evacuazione verso Zaporiggia, la prima è in programma in mattinata da Mariupol. Lo dice il capo dell'amministrazione militare regionale. I corridoi umanitari avverranno sotto l'egida delle Nazioni Unite e della Croce Rossa Internazionale.

Ministro degli esteri: Argentina contraria a esclusione Russia da G20

Il ministro degli Esteri argentino, Santiago Cafiero, ha affermato che il governo di Alberto Fernandez è contrario all'idea di "separare" la Russia dal G20, di cui il Paese sudamericano è membro. "L'Argentina non asseconda la separazione della Russia dal G20 perché crediamo nel multilateralismo e il multilateralismo si realizza con i Paesi seduti al tavolo" ha detto Cafiero alla commissione Affari Esteri del Senato argentino.

Leader separatista filorusso è stato a Mariupol

Il leader della regione separatista filorussa di Donetsk, Denis Pushilin, ha fatto visita a Mariupol. Lo ha mostrato lui stesso pubblicando le foto sul suo canale Telegram. Si tratta del primo funzionario appoggiato da Mosca a viaggiare nella città ucraina assediata. Dalle immagini non è chiaro quando sia avvenuta la visita, ma è probabile che sia stata in questa ultima settimana, quando le forze russe hanno consolidato il controllo su Mariupol.

Zelensky: riusciremo a salvare tutte le persone assediate a Mariupol

Il presidente ucraino è convinto che le forze ucraine riusciranno a salvare tutte le persone assediate a Mariupol incluse quelle che si trovano all'interno dell'acciaieria Azovstal. Lo ha detto in un videomessaggio, ricordando che sono 156 gli evacuati da Mariupol arrivati ieri a Zaporiggia: "non è ancora una vittoria - ha dichiarato- ma è già un risultato".

Biden preme su Congresso: approvare nuovi fondi per l'Ucraina

"Da quando la Russia ha attaccato l'ucraina due mesi fa abbiamo inviato 3 miliardi di dollari di assistenza in sicurezza all'ucraina. quei fondi sono un investimento diretto nel difendere la libertà e la democrazia" ha detto il presidente Usa Joe Biden, invitando il Congresso ad approvare rapidamente gli ulteriori fondi chiesti per "continuare a inviare all'Ucraina armi e a offrire assistenza economica e umanitaria".

Zelensky: obiettivo è integrità dell'Ucraina, inclusa la Crimea

L'obiettivo dell'Ucraina è ripristinare la sua integrità territoriale, inclusa la Crimea. Lo ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky intervenendo virtualmente a un incontro organizzato dal Wall Street Journal. "Ci auguriamo che la Crimea sarà parte dell'Ucraina", ha affermato Zelensky. (Rainews) (Immagine di Repertorio)


In aggiornamento

Autore