Guerra in Ucraina, giorno 69. Il Papa Francesco: "Voglio andare a Mosca e incontrare Putin"
Estero Lazio Roma

Guerra in Ucraina, giorno 69. Il Papa Francesco: "Voglio andare a Mosca e incontrare Putin"

martedì 3 maggio, 2022
https://www.infooggi.it/elezioni-catanzaro-2022

Guerra in Ucraina, giorno 69. Il Papa Francesco: "Voglio andare a Mosca e incontrare Putin". Oggi il discorso di Boris Johnson al Parlamento di Kiev, nuovi aiuti in arrivo

Il primo ministro britannico, Boris Johnson, descriverà la resistenza dell'Ucraina all'invasione russa come "l'ora migliore" del Paese, quando nella giornata di oggi interverrà, in video collegamento, al Parlamento ucraino. Sara' il primo leader internazionale a farlo dall'inizio della guerra. La citazione che il premier userà è da uno dei più celebri discorsi di Winston Churchill alla Camera dei Comuni. Come riporta la Bbc, Johnson è pronto a dire che il Parlamento del Regno Unito si riunì durante la Seconda guerra mondiale, proprio come la Verkhovna Rada durante la guerra con la Russia. In quel momento, dirà il premier britannico, il popolo britannico ha mostrato "una tale unità e determinazione che ricordiamo il momento di massimo pericolo come la nostra ora migliore". Johnson, secondo le anticipazioni dei media britannici, dovrebbe annunciare un nuovo pacchetto di aiuti militari in sostegno all'Ucraina del valore di 300 milioni di sterline.

 

Usa: Russia prevede di "annettere" Donetsk e Lugansk

La Russia prevede di "annettere" formalmente le regioni di Donetsk e Lugansk, nell'Est dell'Ucraina, al suo territorio. E' quanto ha detto Michael Carpenter, l'ambasciatore degli Stati Uniti presso l'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa, in un briefing a Washington: "Secondo le notizie più recenti, riteniamo che la Russia cercherà di annettere la 'Repubblica popolare di Donetsk' e la 'Repubblica popolare di Lugansk al suo territorio. Le notizie affermano che la Russia prevede di organizzare un referendum al momento dell'adesione, a metà maggio", ha spiegato il diplomatico americano.

 

Zelensky su Lavrov, Russia dimentica lezione II guerra mondiale

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha criticato le parole pronunciate nell'intervista a Rete 4 dal ministro degli Esteri russo, Serghei Lavrov, secondo cui Adolf Hitler aveva origini ebraiche. "Non ho parole...", ha detto il leader di Kiev in un video messaggio, "nessuno ha sentito alcuna smentita o giustificazione a riguardo da parte di Mosca. Tutto ciò che abbiamo da lì è silenzio... questo significa che la leadership russa ha dimenticato tutte le lezioni della Seconda guerra mondiale". "O forse non le ha mai imparato", ha aggiunto.

 

Sirene antiaeree a Dnipro e Zaporizhia

Le sirene antiaeree sono scattate a Dnipro e Zhaporizhia, nell'Est ucraino, mentre continua l'offensiva russa. Il governatore regionale, Oleksandr Starukh, ha invitato gli abitanti delle cittadine di Vasylivka e Tokmok a usare il 'corridoio verde' aperto per l'evacuazione dei civili. Lo riporta Ukraina 24.

 

Il Papa: "Voglio andare a Mosca e incontrare Putin"

"A Kiev per ora non vado. Ho inviato il cardinale Michael Czerny, (prefetto del Dicastero per la Promozione dello Sviluppo umano integrale) e il cardinale Konrad Krajewski, (elemosiniere del Papa) che si è recato lì per la quarta volta. Ma io sento che non devo andare. Io prima devo andare a Mosca, prima devo incontrare Putin. Ma anche io sono un prete, che cosa posso fare? Faccio quello che posso. Se Putin aprisse la porta...". Lo dice Papa Francesco in un colloquio con il direttore del Corriere della Sera, Luciano Fontana, facendo il punto sui tentativi del Vaticano per fermare il conflitto in Ucraina

 

Altre banche russe usciranno da sistema Swift

Il sesto pacchetto di sanzioni dell'Unione Europea contro la Russia includerà il ritiro di "altre banche" dal sistema di transazioni Swift. E' quanto ha confermato il capo della diplomazia europea Josep Borrell. Queste sanzioni riguarderanno "il settore bancario, ci saranno altre banche russe che lasceranno Swift", e "nel settore energetico, stiamo lavorando per preparare proposte che ci permettono di limitare le importazioni di energia dalla Russia, soprattutto il petrolio", ha detto il diplomatico in una conferenza stampa a Panama.

 

Le forze russe si rafforzano a Zaporizhzhia e Mykolaiv

Secondo fonti militari ucraine la Russia sta raggruppando le truppe, rafforzando l'artiglieria e le unità di difesa aerea nelle zone di Zaporizhzhia, Kryvyi Rih e Mykolaiv. L'amministrazione militare regionale di Zaporizhzhia ha riferito che le forze russe stanno cercando di stabilire una rete di supporto logistico per le truppe in queste aree.

 

I primi evacuati da Mariupol sono arrivati a Zaporizhzhia

I primi 100 civili evacuati dall'acciaieria di Mariupol sono arrivati nella tarda serata di ieri nella città di Zaporizhzhia, riportano i media internazionali citando la polizia militare ucraina. Si tratta principalmente di donne, bambini e anziani, che ora avranno accesso a cure mediche, cibo, medicine e assistenza psicologica. Secondo le autorità locali, l'evacuazione da Mariupol riprenderà stamani a partire dalle 7:00 ora locale (le 8 in italia).

 

Udite nuove esplosioni a Belgorod, in Russia

Nuove esplosioni sono state sentite nella regione russa di Belgorod. L'agenzia di di stato russa RIA Novosti ha riferito il suono di un'esplosione di media forza, nel centro di Belgorod. Una serie di esplosioni è stata segnalata anche sul canale Telegram locale "Belgorod n.1" nello stesso momento.

 

Kiev: L'Ungheria era stata informata in anticipo dell'invasione russa

Le autorità ungheresi erano state informate in anticipo dal presidente russo, Vladimir Putin, della sua intenzione di lanciare un'invasione su larga scala dell'Ucraina. Lo ha dichiarato, riporta il Kyiv Independent, il capo del Consiglio di Sicurezza ucraino, Oleksiy Danilov. Danilov, a una domanda sulla possibilità che Budapest blocchi un'eventuale adesione di Kiev alla Nato, ha risposto che non solo il premier magiaro, Viktor Orban, sarebbe stato informato in anticipo da Putin dell'invasione ma che addirittura l'esercito di Budapest avrebbe valutato un'operazione per annettere la Transcarpazia nel caso di un rapido successo della campagna russa. Alcuni media ucraini hanno ricordato che il 1° febbraio, tre settimane prima dell'invasione dell'Ucraina, Putin aveva accolto Orban al Cremlino e che il 22 febbraio, due giorni prima dell'attacco russo, l'Ungheria aveva annunciato un trasferimento di truppe al confine occidentale dell'Ucraina. (Rainews)

In aggiornamento

Autore