Catanzaro. “Fareinsieme relAzione per l’inclusione” Uno sportello per la Salute Mentale
Salute Calabria Catanzaro

Catanzaro. “Fareinsieme relAzione per l’inclusione” Uno sportello per la Salute Mentale

sabato 4 giugno, 2022
https://www.infooggi.it/elezioni-catanzaro-2022

L’Associazione Libellula-Afasp, Progetto Gedeone e Assessorato Politiche Sociali Comune di Catanzaro, presentano giorno 17 giugno 2022 alle ore 17:00 presso la sala del MUSMI (Museo Storico militare) Parco della Biodiversità Mediterranea Via V.Cortese 1 Catanzaro

CATANZARO, 04 GIU. “FAREINSIEME relAzione per l’inclusione”, un percorso concertativo e co-progettuale, per portare a buon fine azioni concordate, per favorire ed intensificare lo scambio di esperienze, prestazioni e relazioni tra utenti familiari volontari e operatori anche attraversi incontri, consulenze e percorsi di formazione al fine di promuovere la creazione di uno “ Sportello per la Salute Mentale” e delle buone pratiche sul territorio.

Le associazioni vogliono portare una visione innovativa riguardo alla malattia mentale, alle persone che ne sono colpite e all’approccio a questo problema, con un atteggiamento di attenzione e rispetto e un messaggio di speranza. Oggi anche la schizofrenia e le psicosi sono malattie curabili. Accanto alle terapie farmacologiche, alle medicine complementari e alla riabilitazione psicologica è molto importante per il recupero del benessere un ambiente favorevole una società accogliente e sensibile che può attivare una forte rete di supporto.

L’idea è quella di affiancare persone a persone: chi insegna e chi impara, nell’ottica di un’impresa sociale di economia civile totalmente sostenibile. Partendo da un contesto di mutuo aiuto alla pari, che elabori attraverso esperienze concrete processi inclusivi (imparo facendo, facendo progetto, progetto realizzo, realizzo includo), dove i partecipanti smettono di essere “utenti” e si trasformano in veri e propri protagonisti del loro empowerment conquistando la consapevolezza di sé e del controllo sulle proprie scelte, decisioni e azioni. Tentando di trasformare anche il contesto istituzionale che li “vuole” o li “vede” solo utenti, innescando quel processo che migliore la comunità in cui vivono favorendo loro stessi i meccanismi che soddisfino i loro bisogni. Teoria necessaria: formazione non fine a sé stessa ma pilastro portante della operatività.

È una Buona pratica per la Promozione della Salute “Salute pubblica, solidaristica, partecipata e sottratta alle logiche del profitto. Avvicinare i Servizi per la Salute Mentale al territorio, privilegiando l’ascolto della persona ed elevando il livello di consapevolezza della patologia mentale e del sistema di cura. Si propone inoltre di rinforzare l’integrazione sociosanitaria con i Medici di Medicina generale e la rete dei servizi sul territorio.

Autore