• Scrivi una notizia
  • Sostienici
  • Spazi pubblicitari
  • Privacy Policy
  • Feed Rss

Cronache Pongistiche Sardegna del 21 gennaio 2021

Sardegna > Cagliari

CAGLIARI, 21 GENNAIO 2021 - Non c’è mai un’adesione completa da parte dei convocati, ma il tecnico regionale Francesca Saiu e il suo staff di fedelissimi coltiva incessantemente l’ottimismo. Nel primo mese del nuovo anno sono stati pianificati due appuntamenti rivolti come sempre alle speranze del tennistavolo sardo, con un occhio di riguardo alle nuovissime generazioni: a breve rimpiazzeranno coloro che non sono più in età per le classiche manifestazioni nazionali organizzate dalla Fitet.

La palestra comunale di Muravera li ha già accolti lo scorso 10 gennaio, mentre il 31 sarà la volta anche di atlete e atleti più grandi.

“Il gruppo dei piccoli si sta impegnando tantissimo – esordisce Francesca Saiu - e a parte qualche assenza, che purtroppo incide negativamente nell’allestimento organizzativo programmato con abbondante anticipo, il resto dei prescelti non fanno mai mancare la loro presenza”.

Con lei i soliti aitanti collaboratori: a Nicola Pisanu, Michele Buccoli e al preparatore Marco Pintus, si è aggiunto il nuovo sparring Andrea Piras.

“Sono contentissima dell’atteggiamento assunto da Andrea – continua il tecnico regionale - perché lavora tanto e in quanto giocatore ha la giusta mentalità da infondere ai piccoli, con cui riesce ad instaurare da subito una perfetta sintonia. La mia impressione trova ulteriore fondamento nelle reazioni dei giovani che non hanno nascosto grande soddisfazione”.

Sull’andamento del primo stage annuale l’allenatrice traccia dei giudizi lusinghieri: “Tra i più piccini noto con piacere i progressi costanti mostrati sia nella parte fisica, sia in quella sul tavolo dai tesserati del TT Guspini Elena Kuznetsova e Francesco Desogus, nonostante abbiano avuto problemi di preparazione causati dalla chiusura del Palazzetto dello Sport guspinese per problemi pandemici”.

Passando ad una fascia d’età più alta troviamo Emanuele Cuboni e Francesca Seu che, militando nel Muravera, club allenato dalla stessa Francesca, sono monitorati quotidianamente. Con loro Eva Mattana della Muraverese che non delude le aspettative nonostante il tecnico regionale ammetta come la pausa natalizia le abbia fatto perdere un po’ di ritmo: “Ma ha dalla sua il vantaggio di essere molto sensibile alle correzioni che apprende in un baleno, concentrandosi molto nel metterle in pratica”. E poi tante speranze si nutrono nella crescita agonistica di Letizia Pusceddu (Torrellas Capoterra), anche lei molto laboriosa.

Le attenzioni di Saiu sono sempre più rivolte alle leve nate tra il 2010 e il 2012, concentrate nei vivai di quattro club ben definiti: Torrellas Capoterra, Muraverese, TT Guspini e Tennistavolo Sassari. “Puntiamo su di loro facendoli lavorare con assiduità – conferma - soprattutto all’interno della loro società perché non si trovino impreparati nel caso in cui venissero convocati nelle classiche manifestazioni come Trofeo Transalpino o Coppa delle Regioni”.

A brevissimo cominciano i campionati nazionali e lo stage del 31 gennaio è un ulteriore tentativo per tenere soprattutto le ragazze “in grinta”. “È anche un premio – conclude Saiu - rivolto a quei giocatori che hanno risposto con costanza alle nostre convocazioni”.

I prescelti per lo stage del 31 gennaio 2021: Alice Mattana, Eva Mattana (ASD Muraverese TT), Emanuele Cuboni, Aurora Piras, Francesca Seu, Sara Congiu (AD Muravera TT), Luca Broccia, Manuel Broccia, Nicolò Carta (TT. Guspini).

 

COSA RISERVANO I CAMPIONATI NAZIONALI NEI PROSSIMI GIORNI

Il Tennistavolo nazionale in epoca pandemica ha subito non pochi stravolgimenti. A parte la ripresa posticipata a gennaio, molte squadre impegnate soprattutto nei campionati di serie B, C maschile e femminile hanno rinunciato, confortati dal fatto che avranno l’opportunità di iscriversi alla medesima competizione nella prossima stagione che si spera sia molto meno problematica.

Le compagini sarde “sopravvissute” saranno coinvolte (rigorosamente a porte chiuse) già da giovedì prossimo quando in serie A1 femminile si giocherà il posticipo della prima giornata tra Castel Goffredo e Tennistavolo Norbello. Lo stesso giorno, anche la Marcozzi Cagliari, in serie A1 maschile, recupererà l’incontro della prima giornata andando a fare visita al S. Espedito di Napoli.

Sabato abbastanza assortito con la partita doppia di Norbello che comincerà alle 17:00 presso la palestra comunale di via Azuni. Le norbellissime ospiteranno la Polisportiva Bagnolese, mentre per i maschi di A1 ci sarà l’esordio ufficiale (contro l’Aon Milano Sport), visto che la gara della prima giornata, in casa del Top Spin Messina, sarà recuperata il 6 febbraio 2021.

Nella sua prima casalinga la Marcozzi Cagliari riceve il Frandent Group Cus Torino: Palatennistavolo di via Crespellani ore 19:00.

Rimane ai box il Quattro Mori Cagliari di A1 femminile che posticipa a data da destinarsi i suoi primi due incontri in cartello, entrambi in casa, contro Bagnolese ed Eppan.

Dopo il passo falso piemontese (vedere in basso) la Marcozzi di A2 maschile cercherà un pronto riscatto il 23 gennaio, alle 15:30, affrontando l’Aon Milano Sport Tennistavolo.

In A2 femminile si gioca domenica 24 gennaio in vari concentramenti.

Nel girone C appuntamento a San Giuliano Terme, dove il Quattro Mori Cagliari si opporrà prima alle Alfiere di Romagna e poi all’Ask Kras.

Impegno napoletano per Muravera nel girone D. Negli impianti della Frassati se la vedrà inizialmente con il TT Astra Valdina, successivamente con il TT Ennio Cristofaro.

Rimandato al 14 febbraio il primo impegno stagionale del Tennistavolo Norbello che a Mazzano (BS) il concentramento del girone A prevede la sfida contro il TT Marco Polo.

In serie B1 maschile l’unica squadra isolana iscritta è il Tennistavolo Sassari che sabato 23 gennaio è ospite del Villa d’Oro Modena.

Nel campionato di serie B2, girone H, hanno dato forfait le due compagini del Tennistavolo Santa Tecla Nulvi e Il Cancello Alghero. Tra le restanti cinque ci sono due team della Muraverese e uno del Muravera TT. Ma per tutte e tre le sarrabesi gli impegni sono procrastinati a febbraio.

Mentre in B femminile, nel girone G, il Tennistavolo Sassari sarà di scena nel concentramento di Prato domenica 24 gennaio 2021, opposta ad Acsi Pisa e Apuania Carrara.

Il girone H si ritroverà a Jesi e tra le protagoniste c’è pure il Tennistavolo Norbello che aspetta di confrontarsi con la Polisportiva Clementina.

Un po’ di Sardegna anche nel girone I con Muravera TT e Muraverese Rosa che si scontreranno sul campo romano dell’Eureka, sempre domenica. Seguiranno gli incontri Muravera – Eureka e Muraverese Rosa – Stella del Sud Napoli.

Il girone N della C1 maschile è stato completamente snaturato con il ritiro di Fermi Iglesias, TT Guspini, cui si aggiungono altri quattro club laziali. Praticamente restano Tennistavolo Sassari e Eureka Roma che si sfideranno l’11 aprile 2021.

GLI ESITI DELLA PRIMA GIORNATA

MARCOZZI CAGLIARI SCONFITTA A TORINO

Nella prima giornata dei campionati nazionali, tra le compagini sarde, la Marcozzi Cagliari di A2 maschile è stata l’unica che abbia effettivamente giocato. Sul campo del Tennistavolo Torino rimedia una sconfitta (4-1) con l’andamento raccontato da Maxim Kuznetsov.

“Finalmente si ricomincia dopo un anno di inattività ed incertezze e questo un po’ ci rallegra anche se poi dobbiamo fare i conti con una serie di problemi logistici e di organizzazione che sono emersi sin da subito. Per esempio, la gara è terminata alle 22 e per un pelo abbiamo rischiato di rimanere a stomaco vuoto per via .

Purtroppo, non ha partecipato alla sfida il nostro nuovo compagno Vincenzo Delli Carri e al suo posto si è aggregato Massimo Ferrero che nonostante sia un signor giocatore non si può avvisare appena quarantotto ore prima del match. Non era in forma lui e neppure io perché da quando la municipalità di Guspini, città in cui risiedo, ha chiuso tutte le strutture sportive nel periodo natalizio, non ho potuto prepararmi scrupolosamente.

Fortunatamente anche ai nostri avversari mancava un titolare, ma nonostante ciò la gara è andata abbastanza male. Nell’esordio tra Ferrero e Gabriele Piciulin il mio compagno ha cominciato molto bene aggiudicandosi il set, poi però il padrone di casa ha preso il sopravvento anche a causa della evidente mancanza di allenamenti dell’avversario, fattore che poi ne innesta altri fondamentali, come la perdita di concentrazione. Poi spetta al nostro nigeriano Shola Oyetayo che affronta l’anello debole del team piemontese, Marcello Cardea. Riesce a riequilibrare le sorti dell’incontro con l’identico andamento della sfida iniziale, soccombendo nel primo parziale.

Poi mi sono misurato con il giovane Antonio Giordano: ho giocato benino, nonostante la condizione precaria che ha favorito gli errori gratuiti, però i meriti vanno tutti al ragazzo che è riuscito a mettermi parecchio in difficoltà nel gioco mostrando grande personalità. Mi dispiace tanto perché avrei potuto comunque vincere considerando che il primo set l’ho ceduto ai vantaggi pur avendo la possibilità di chiuderlo sul 10-9. Dopo essermi aggiudicato il successivo con difficoltà, abbiamo dato vita ad una terza frazione equilibrata in cui stavo conducendo 8-7 dopodiché ho sbagliato due risposte al servizio perdendo poi 11-8. Ho fatto mio il quarto di misura, dopo che sono riuscito a recuperare su un parziale di 10-7 per Giordano. Nel set decisivo ho cominciato malino ritrovandomi sotto per 2-7. Sul 7-5 i locali hanno chiamato il time out; al ritorno in campo ho ceduto tre punti di fila e poi l’ha spuntata lui. Dopo di me ha gareggiato Shola opposto a Piciulin. Da buon ex il giocatore di stanza a Torino ricordava a menadito i punti deboli del nigeriano e il 3-0 scaturito è stato abbastanza netto. Con la sola eccezione della prima parte del secondo set nel quale il mio compagno si è ritrovato in vantaggio per 5-0, però si è fatto raggiungere nei cinque punti successivi. Hanno concluso Ferrero e Giordano che hanno combattuto solo nel primo set chiuso ai vantaggi in favore del locale, poi il cagliaritano ha ceduto di schianto. Ci attende la dura prova casalinga contro Aon Milano Sport Tennistavolo dove ritroveremo il nostro ex compagno Stefano Tomasi. Il fatto che non ci sia girone di ritorno attenua parecchio le nostre capacità di recupero”.