• Scrivi una notizia
  • Sostienici
  • Spazi pubblicitari
  • Privacy Policy
  • Feed Rss

Covid: Occhiuto, Zona Gialla o Arancione cambia poco. I dettagli

Calabria > Catanzaro

 Covid: Occhiuto, Zona Gialla o Arancione cambia poco. 'Al Governo chiediamo di poter assumere personale sanitario'
CATANZARO, 14 GEN - "Al Governo stiamo chiedendo che ci dia la possibilità di avere risorse per assumere personale sanitario, perché è quello che manca. Stiamo chiedendo che ci dia la possibilità, per esempio, di fare anche delle politiche di premialità, per attrarre medici, perché il nostro sistema ha anche il problema di rappresentarsi attrattivo verso di loro.

Noi vorremmo poter dare la possibilità ai medici di guadagnare di più se vengono a lavorare in un sistema sanitario di una Regione che decide di percorrere questa strada, e di essere pagati in ragione degli sforzi compiuti in un'area che, magari, è disagiata. Queste sono le cose che ci interessano moltissimo". Così a Timeline, su Sky TG24, il Presidente della Regione Calabria Roberto Occhiuto. Rispetto alle colorazioni, Occhiuto ha sostenuto: "nella mia Regione mi preoccupo poco se sono in zona gialla piuttosto che arancione, perché in entrambe le restrizioni operano soltanto per quelli che non si sono vaccinati.

Entrare in zona rossa, invece, significa sostanzialmente restringere le libertà anche per quelli che hanno dimostrato senso di responsabilità vaccinandosi. In Calabria, per esempio, ricevo tante richieste da parte di Comuni, dei miei dipartimenti di prevenzione, che mi chiedono di fare zone rosse lì dove c'è un aumento dei contagi: ho cambiato le regole da questo punto di vista, e ho deciso che farò rosse solo quelle zone dove non ci si vaccina". A tal proposito, ha concluso Occhiuto, "ho fatto zona rossa il Comune di Platì perché, nonostante la Calabria sia la Regione che sta vaccinando di più rispetto agli obiettivi di target che ci ha dato il commissario Figliuolo, ho alcuni Comuni come quello di Platì dove è vaccinato solo il 30% dei cittadini. Questa è una cosa assurda".