Carabinieri: visita a Catanzaro Comandante Interregionale. I dettagli
Cronaca Calabria Catanzaro

Carabinieri: visita a Catanzaro Comandante Interregionale. I dettagli

mercoledì 19 gennaio, 2022
https://www.infooggi.it/elezioni-catanzaro-2022

Carabinieri: visita a Catanzaro Comandante interregionale. Generale Corpo d'armata Riccardo Galletta nominato il 12 gennaio
CATANZARO, 19 GEN 
- Prima visita ufficiale, ieri e oggi, a Catanzaro del Generale di Corpo d'Armata Riccardo Galletta, che dal 12 gennaio ha assunto l'incarico di Comandante Interregionale carabinieri "Culqualber". Lo riferisce una nota stampa dell'Arma. "Ad accoglierlo, nella sede del Comando Legione Carabinieri Calabria - si aggiunge - è stato il Generale di Brigata Pietro Francesco Salsano, Comandante della Legione. Nella sala conferenze, il generale Galletta ha incontrato, oltre al Comandante della Regione carabinieri forestale ed al Comandante provinciale di Catanzaro, una rappresentanza dello Stato maggiore e dei reparti territoriali, nonché dei militari dell'Arma in congedo.

Il generale Galletta ha ricordato con affetto quando nel 1983, da giovanissimo ufficiale, aveva svolto il tirocinio pratico proprio nel Comando provinciale di Catanzaro, all'epoca ospitato nella storica sede di piazzale Trieste". "Al personale riunito - si afferma ancora nel comunicato - il Comandante Interregionale ha evidenziato la necessità di un'azione sinergica delle varie articolazioni dell'Arma dei carabinieri per il raggiungimento di importanti risultati operativi in un territorio delicato quale è quello interessato dalla presenza di associazioni criminose con ramificazioni anche internazionali. Dopo avere salutato i militari di ogni ordine e grado presenti, il generale Galletta ha rammentato l'impegnativo compito di garantire la sicurezza del cittadino, assicurando il suo incondizionato sostegno nel solco tracciato dai suoi predecessori. Galletta ha poi riunito la rappresentanza militare e, successivamente, i Comandanti provinciali, i Comandanti dei Gruppi di Lamezia Terme, Locri e Gioia Tauro, oltre al Comandante del Reparto Territoriale di Corigliano-Rossano ed al Comandante dello Squadrone Eliportato Cacciatori Calabria. In seguito, ha incontrato il presidente della Regione, Roberto Occhiuto; i vertici degli uffici giudiziari del capoluogo, presidente della Corte d'appello, Procuratore generale, presidente del Tribunale e Procuratore della Repubblica, e monsignor Claudio Maniago, arcivescovo metropolita di Catanzaro-Squillace".

"Durante questa sua prima visita in Calabria - é detto ancora nel comunicato dei carabinieri - il generale Galletta ha sentito sin da subito la necessità di conoscere il territorio e i militari che vi operano quotidianamente. Ha così raggiunto la Compagnia carabinieri di Soveria Mannelli e le Stazioni di Catanzaro Lido, Botricello, Gizzeria Lido e Pizzo Calabro, dove si è intrattenuto a lungo con i militari presenti". "Dopo il tirocinio pratico a Catanzaro - riferisce ancora la nota dell'Arma - il percorso del generale Galletta lo ha visto impegnato come Comandante di plotone nella Scuola allievi carabinieri di Roma e, in seguito, come Comandante di plotone nell'Accademia militare di Modena.

Dal 1987 al 1989 ha comandato la Compagnia di Gaeta e, dal 1989 al 1991, la Compagnia di Roma Casilina. Dal 1991 al 1994 è stato comandante del Nucleo carabinieri di supporto del Comando supremo delle Potenze alleate in Europa (Shape) a Casteau, in Belgio. Dopo diversi prestigiosi incarichi rivestiti nel Comando generale dell'Arma, intervallati dalla frequentazione, tra il 1998 ed il 1999, del primo corso di Istituto superiore di Stato maggiore interforze a Roma e dal comando, tra il 2001 ed il 2003, del Gruppo di Palermo, dal 2006 al 2009 è stato Comandante provinciale di Brescia e, dal 2015, Comandante della Legione Carabinieri Sicilia, incarico che ha rivestito fino a settembre 2018. L'ultimo incarico, prima di essere promosso Generale di Corpo d'Armata e nominato Comandante interregionale carabinieri 'Culqualber', competente su Sicilia e Calabria, è stato quello di Comandante della Divisione unità specializzate dell'Arma dei carabinieri".

Autore