• Scrivi una notizia
  • Sostienici
  • Spazi pubblicitari
  • Privacy Policy
  • Feed Rss

Allerta Meteo: Weekend, con pioggia abbondanti e neve poi gelo. L’evoluzione

Sardegna > Cagliari

Giungono ancora notizie poco incoraggianti sul fronte meteorologico. Nelle prossime ore il maltempo sarà destinato a subire un ulteriore peggioramento pronto a riversare su tante regioni improvvisi nubifragi, forte vento e nevicate.
Tutta colpa di una vasta circolazione ciclonica alimentata da correnti via via più fredde e sospinta da venti forti di Libeccio, Ostro e Maestrale che già da 24 ore colpisce il nostro Paese.

Prepariamoci dunque ad una giornata ancora assai capricciosa tant'è che già in queste ore è d'obbligo un ombrello su alcuni angoli del Nordest, sulla Sardegna, sul Levante ligure, sul Lazio e su alcuni tratti del Sud in particolare sulla Puglia. Al momento su queste zone registriamo comunque fenomeni non particolarmente intensi.

Col passare delle ore il quadro meteorologico sarà destinato a subire un ulteriore aggravamento. Mentre al Nord e sul lato adriatico del Paese resteremo in un contesto di forte variabilità, i cieli si faranno sempre più minacciosi sul lato tirrenico. Dal Levante ligure alla Toscana e dal Lazio fino alla Campania e alla Calabria ci attendiamo forti piogge, temporali e pure improvvisi nubifragi sui litorali del napoletano, de salernitano fino al cosentino. Prestare attenzione su queste zone soprattutto alla circolazione stradale e ai possibili disagi collegati a problemi di carattere idrogeologico come accaduto anche in queste ultime 24 ore nell'area dell'agrigentino dove un forte temporale ed una vera e propria bomba d'acqua hanno provocato numerosi allagamenti.

Ma in questa fase di tempo assai turbolento, ci sarà spazio anche per forti venti che colpiranno soprattutto il lato tirrenico e quello ionico dove raffiche burrascose fino ad oltre 100km/h daranno origine a intense mareggiate sui versanti più esposti.
E la neve? Ci sarà spazio pure per lei. Cadrà sui rilievi alpini centro-orientali a quote anche basse e prossime ai 700/800m, ma riuscirà ad imbiancare a tratti anche la dorsale appenninica centro-settentrionale sui 1300/1400m e più in alto su quella meridionale.

Insomma, ci sarà da stare davvero poco tranquilli su fronte meteo anche perché questa fase di maltempo non accennerà tanto facilmente ad attenuarsi nemmeno tra la sera e la notte, preludio questo ad un inizio di weekend ancora assai capriccioso per molte zone d'Italia.

Weekend invernale! La conferma è appena arrivata: proprio a cavallo di sabato 27 e domenica 28 ci sarà una svolta con l'arrivo di un vortice freddo sospinto da correnti in discesa dal Polo Nord che avranno importanti conseguenze su gran parte del nostro Paese: oltre alle piogge abbondanti, occhio infatti anche alle nevicate fino a bassissima quota.

Ma andiamo con ordine analizzando nel dettaglio

Già dalla giornata di sabato 27 un impulso molto freddo in discesa dal Nord Europa e alimentato da correnti artiche inizierà a far sentire i suoi effetti fin sull'Italia. Nel concreto, questa svolta produrrà, oltre ad un calo drastico delle temperature, anche precipitazioni abbondanti su buona parte delle regioni tirreniche e sulle due Isole maggiori.

Col passare delle ore le condizioni sono attese in peggioramento anche al Nord, con il rischio di nevicate fino a bassa quota; i fiocchi bianchi, infatti, potrebbero scendere fin sotto i 4/500 metri di quota su Valle d'Aosta, Lombardia, Veneto e Trentino-Alto Adige.

Il freddo maltempo insisterà anche nel corso di domenica 28 novembre quando, complice l'ulteriore afflusso di aria molto fredda, si verrà a creare un'area di bassa pressione sull'alto Tirreno/Ligure. Per questo motivo saranno possibili piogge intense e temporali su Toscana, Lazio, Campania, Calabria, Sardegna e Sicilia. Visto il calo delle temperature, la neve scenderà copiosa sull'Appennino con fiocchi fin sotto gli 800 metri di quota, un evento di tutto rispetto per essere ancora novembre.

Massima attenzione poi alla burrasca di vento in arrivo sulla Sardegna: le raffiche di Maestrale potrebbero infatti raggiungere i 100 km/h con il rischio più che concreto di mareggiate.

Sarà invece più stabile il tempo al Nord ma qui, a fare notizia sarà soprattutto il freddo, specie di notte e al primo mattino con valori termici fin sotto gli 0°C gradi anche in pianura. Tutte le previsioni aggiornate sull’App ufficiale.

In aggiornamento